Archivio della categoria: tradimenti

Sei proprio una stronza

Qualche anno fa dovetti fare uno stage universitario presso un’agenzia di comunicazione e pubblicità. Le mie mansioni? Assistenza organizzazione e ufficio stampa degli eventi. Ero già preparato a trascorrere un’intera primavera infernale tra scrivanie, telefonate, email, catering ecc… Ma almeno mi ci sarei pagato le vacanze. Non ero però preparato alla mole di lavoro che […]

Lei E I Miei Amici (III)


AUTORE: Riccard82

Appena tornati a casa dissi ad alice, con aria un pò incazzata ma non troppo convinta:
-posso sapere come mai siete spariti x così tanto oggi ?eh?
e lei - ma dai te l'ho detto eravamo agli scogli- lo disse con un sorrisino del cazzo....
eravamo nella nostra camera ancora in costume e ad un certo punto sbottai:
-6 una bugiarda,perchè non dici la verità?eh?è meglio che dici come stanno le cose,non puoi pensare di nasconderti...dimmi cos'è successo...
dopo un pò di tira e molla confessò:
- e va bene,non abbiamo solo nuotato...
le dico: - raccontami tutto....
lei inizia (unirò la descrizione,ma lei ogni tanto mi diceva,vuoi che continui?)... :
-mario ha insistito x fermarci un pò in un'insenatura dietro gli scogli con un pezzo minuscolo di spiaggia dove non c'era nessuno,io dopo un pò di resistenza gli ho detto ok,e appena sul bagnasciuga mi chiede se volevo continuare il massaggio dell'altro giorno...io capisco che intenzioni ha e gli dico di no,poi però insiste e alla fine cedo...mi si mette a cavalcioni come l'altra volta,mi chiede di slacciare il reggiseno che così gli viene male,e tanto sono a pancia in giù,ma poco dopo sento la sua erezione sulle mie natiche...inizia a muovere il bacino,l'aveva già fatto l'altra volta...inconsciamente inizio e muovere il sedere su e giù anche io,finchè lui prende e infila le sue dita nel mio perizoma...ero fradicia,lui continua tra dita nelle mutandine e movimento di bacino...
ad un tratto mi dice,-girati!- , mi giro e faccio x coprirmi il seno,ma lui subito mi tira via le braccia e inizia a toccarmi e leccarmi le tette,e mi dice che era una vita che le sognava....
poi si è tolto il costume e ha tolto le mutandine anche a me...appena mi ha visto la figa rasata ha spalancato la bocca e ha iniziato a leccarmi...per poco,dato che si è subito alzato in piedi e mi ha avvicinato il pisello (niente di eccezionale,dimensioni nella media) alla bocca,e mentre glie lo succhiavo mi diceva che ieri si era eccitato troppo a guardarmi le tette,che voleva sborrarmi sulle tette...e io mi sono eccitata ancora di più,lui se n'è accorto e allora mi ha fatto girare e mi ha fatto mettere a 4 zampe...con un colpo secco me l'ha infilato nella figa,e mentre me lo sbatteva dentro mi strizzava le tette...dopo qualche minuto così mi ha fatto mettere di nuovo a pancia in su perchè diceva che mi voleva vedere godere,che porco...ero troppo eccitata e sono venuta dopo poco...lui dopo 5 minuti lo ha tolto fuori,e dopo 2 leccate mi è venuto come voleva sulle tette......
questo è quello che hai voluto sapere...scusa non so che dirti...
.........
........seguì qualche minuto di silenzio,dopodichè io le dissi:
-non riesco più a tenermelo dentro,mi piace vederti fare la troia con gli altri e loro che ti desiderano....ti ho vista anche l'altra mattina a casa,il giorno prima il massaggio di mario al mare,le battutine con paolo e carlo...
.......
rimase pietrificata....
-mi era passata x la testa l'idea che ti eccitasse vedermi desiderata dagli altri...
ma non credevo che potessi sapere tutto questo,e che ti eccitasse...

le spiegai bene la situazione,e dopo un pò di disorientamento ne fu ovviamente eccitata...la notte dopo una cena tranquilla con qualche sguardo malizioso dei 3 miei amici nei suoi confronti,ci facemmo una gran trombata,parlando a bassa voce di quello che l'avrebbe eccitata e che mi avrebbe eccitato...

........

il mattino seguente inventando la scusa che io dormivo chiese a paolo se la poteva accompagnare a comprare un nuovo costume,lui ovviamente disse di si,ma all'ultimo si aggregò anche mario...
paolo era un pò deluso della presenza di mario,ma la mia bella troiona per niente...pensava solo a quale stratagemma inventare per scoparseli probabilmente tutti e due,a cuor leggero dopo che aveva avuto la mia approvazione...
indossò una mini chiara e una camicetta quasi trasparente con il reggiseno sotto...
arrivarono nel negozio e lei iniziò a provare un pò di costumi,ovviamente tutti molto ridotti...
ad ogni cambio chiedeva ai due possibili pareri,e loro ovviamente si beavano di quelle forme....
alla fine decise di chiedere alla commessa un costume di una taglia + piccola sia di reggiseno che di perizoma...il risultato fu che dal reggiseno per poco non uscivano i suoi capezzoloni,e che dal perizoma bastava un pò di immaginazione per vederla quasi nuda...
i miei amici ovviamente le fecero notare la situazione,e lei disse:
-perfetto!oggi voglio far impazzire tutta la spiaggia quando passo!
e non avrebbe faticato così conciata...
indossò subito nel negozio il nuovo costume...
........
in macchina i ragazzi ripresero l'argomento,e lei disse che la eccitava essere mangiata con gli occhi...
oramai non aveva più freni inibitori,nè nei comportamenti,nè nel parlare...
chiese ai miei 2 amici di andare direttamente al mare che poi io carlo francesco ele e laura li avremmo raggiunti...ovviamente loro non fecero alcuna opposizione,e tornarono nella spiaggia dove eravamo stati il giorno prima...
c'era tanta gente,e lei con la scusa di bagnarsi per il troppo caldo
ogni 10 minuti faceva la passerella dagli asciugamani alla riva...il nuovo costume lasciava davvero poco all'immaginazione...
ad un tratto alice chiese a mario di tornare nella caletta del giorno prima,e lui,un pò stupito perchè c'era anche paolo,disse ok,ma che sarebbero dovuti passare dalle rocce perchè avevano le borse,e non era così vicino...
dopo una camminata non da poco arrivarono nella spiaggetta,e il fatto che fosse così piccola teneva lontani gli altri bagnanti...sistemate le borse e gli asciugamani si sdraiarono e lei quasi subito si tolse il reggiseno,si mise a pancia in giù e disse a mario:
-beh oggi niente massaggio?
sia lui che paolo avevano un pò timore di esporsi poichè uno non sapeva dell'altro...
mario le disse:
-certo non c'è problema!
si mise come sempre a cavalcioni,ma stavolta il massaggio era molto più contenuto,fu lei ad iniziare a muovere un pò il culo sotto di lui,dicendo senza mezzi termini:
-dai ragazzi ora fate i timidi??guardate che quello che ho fatto con uno ho fatto con l'altro,quindi non intimoritevi!
lo disse con un tono tra la sfida e la presa in giro...
loro due spiazzatissimi si guardarono per un paio di secondi,e poi di scattò paolo si alzò e le disse:
-ah si?era ora è dall'altro giorno dopo che ti ho scopata che mi ammazzo di seghe,ora te la do io la timidezza!
mario si alzò e la fece girare...
paolo si avventò sulle tettone,mentre mario le spostò il perizoma e iniziò a leccarla...paolo non resisteva più e si tolse il costume,e glie lo posizionò in bocca...lei iniziò a succhiare avidamente...
mario si denudò e le tolse le mutandine,e con violenzà la penetrò...iniziò a pomparla e lei succhiava con più foga il cazzone di paolo........
andarono avanti così qualche minuto,dopodichè mario le disse:
-ora voglio una cosa che ieri non mi hai dato...
la fece mettere a 4 zampe come il giorno prima ma questa volta iniziò a leccarle il buchino di dietro...lei iniziava a contorcersi dal piacere,e continuava a succhiare il pisello di paolo....
sentì il pisello di mario appoggirsi sul suo buco del culo,non dovette fare chissà quale sforzo per entrare non avendo chissà che membro ed essendo il buchino della mia donna abbastanza allenato...però lei ovviamente sentì un pò di dolore,ma era sempre più eccitata...squillò un telefono,ma lei subito disse:
-non vi azzardate a rispondere,ah sii...
...ad un tratto senza avvisarla paolo le inondò la bocca e la faccia di sperma...
mario dopo poco,approfittando del momentaneo riposo di paolo,ne approfittò per farsi fare una spagnola con quelle tette enormi...dopo poco le venne copiosamente in mezzo al seno,e lei si portò lo sperma alla bocca e lo leccò tutto...
paolo nel frattempo si era rinvigorito,e senza darle tregua iniziò a sbatterla per bene nella figa,lei godeva e urlava:
-mamma mia che cazzo che hai paolo,me lo sento in pancia!ah,dai...siii...daiiiiii......siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii che bello vengooooo.....
.......
era venuta,e mentre paolo continuava a pomparla lei era assente...tempo 5 minuti e anche paolo venne,anche lui sulle tettone della mia maiala....
....si ricomposero e dopo poco ci chiamarono per raggiungerci....
appena arrivati da noi in spiaggia paolo disse che i telefoni li avevano dimenticati in una borsa dove c'erano documenti portafogli ecc. in macchina,ed erano andati a recuperarli...appena ci raggiunsero io vidi il sorriso da troia sulla faccia della mia ragazza...

stava diventando proprio una troia da monta...
Per commenti: [email protected]

Lei E I Miei Amici (II)


AUTORE: Riccard82

La giornata trascorse tranquilla,ma vivevo un perenne stato di eccitazione a pensare al giorno prima in spiaggia,ma soprattutto alla mattina,quando l'avevo vista scopare con loro.
Ad un tratto il pomeriggio,dato che non tutti volevamo andare al mare, eravamo in giardino chi sdraiato con l'asciugamano,chi sulle sdraio.
Approfittando del fatto che ci fossimo solo noi ele e a ruota la seguì laura, si tolsero i reggiseni , dopo aver detto,scherzando ma non troppo:ragazzi non fate i depravati e non vi mettete a fissarci le tette per favore,ok?
Lì nella mia testa iniziò una sorta di conto alla rovescia...quanto ci avrebbe messo lei a chiedermi se mi dava fastidio se l'avesse fatto anche lei?
Data la sua escalation di troiaggine degli ultimi tre giorni dopo venti minuti mi porse la domanda:
-amore posso toglierlo anche io?tanto come non guardano ele e laura non guarderanno me...posso?
che troia,aveva fatto come al mare per il massaggio di mario,me l'aveva chiesto a voce alta per non darmi scampo...
-mmm,va bene...e voi vedete di non guardare!
risposero in due,
-ma smettila,ti pare,per chi ci hai preso...
si tolse il reggiseno e pur facendo gli indifferenti gli si leggeva l'eccitazione sul volto...non tanto carlo e paolo,che le avevano già viste,leccate e paolo ci aveva anche fatto una spagnoletta,
ma mario e francesco,che non le avevano mai viste,ma sicuramente immaginate...vedere questa eccitazione per la mia donna mi fece impazzire e con una scusa entrai dentro e corsi in bagno a farmi una sega.
Al ritorno i miei amici erano tutti sdraiati a pancia in giù,classico di un ragazzo in costume eccitato...
lei con una disinvoltura che chiamerei più porcaggine,si alzava,entrava in cucina,usciva,si spalmava la crema...
vedevo i loro sguardi che cercando di non farsi scoprire la mangiavano con gli occhi...
scese la sera e dopo le docce cenammo tutti,ma data la stanchezza di chi era andato alle grotte...
e la stanchezza di chi era rimasto a casa a divertirsi...non uscimmo,ma bevemmo qualcosa in casa...verso l'una e mezzo tra una chiacchera e un bicchiere eravamo tutti un pò brilli,e quel coglione di paolo fece:
-ragazze perchè non fate come l'altra sera una mezza sfilata?dai giusto x ridere!però in costume,come oggi!
ele fece:
-come oggi in che senso?
-nel senso,perizoma si,reggiseno no!
e scoppiarono tutti a ridere...
ad un tratto ele disse,aiutata dall'alcol:
-vabbè tanto ormai le avete viste oggi,quindi che differenza fa!
paolo esclamò:
-BENE!ovviamente il discorso per te non vale ali,tu devi chiedere il permesso!
disse sfottendola,ma il suo intento era quello di sfidarla visto il suo caratterino orgoglioso...
- io no devo chiedere proprio nessun permesso!è che non mi va....
......
la situazione si metteva male,o benissimo,a seconda dei punti di vista contrastanti nella mia mente...

paolo continuò a stuzzicarla,
-si si...non ti devi vergognare,è normale che tu debba chiedere il permesso...
lo disse ridacchiando...
a quel punto alice tra eccitazione e orgoglio disse:
-dici?e invece io ci sto!
tutti mi guardarono,e io come per giustificarla dissi...
dai è solo un gioco,tanto glie le avrete guardate per tutta la sera...
eravamo tutti un pò brilli,quindi uscivano dalla bocca le classiche frasi che non diresti da lucido...
le ragazze si tolsero chi gonna chi pantaloni e rimasero in perizoma e reggiseno...che volò via subito...iniziarono la pseudosfilata,e io comunque alla vista di due tette diverse dalle solite,le guardai con piacere,e guardai anche i loro culi,soprattutto quello di ele...ali se ne accorse e mi fulminò con lo sguardo...temevo una reazione...
toccò a lei che camminava in modo da farle proprio ballare...arrivò alla mia altezza,si infilò quel poco che rimaneva del perizoma tutto nel solco delle chiappe,e tornando indietro si fermò di fronte agli altri e fece ballare le tettone piegandosi un pò in avanti...poi si girò su se stessa e sculettò col culo praticamente tutto scoperto,tra i fischi e le urla dei miei amici...seguì qualche secondo di silenzio...
add un tratto x stemperare la tensione laura disse:
-forse è il caso che andiamo a dormire,altrimenti domani non ci alziamo più...
tutti fummo d'accordo,e una volta a letto mi girai da alice e le dissi:
-oggi hai davvero esagerato!c'era da alzarti a calci nel culo!
-ah si?e tu perchè allora non gli hai pure toccato il culo e le tette a laura ed ele?te le stavi mangiando con gli occhi stronzo!
ci calmammo un pò e le dissi,iniziando una minima confessione,
-sai che mi ha fatto uno strano effetto vedere le loro facce quando glie le hai messe davanti (e così facendo glie le strinsi forte) e quando ti hanno squadrato il culo?
e lei sorridendo...
-che maiale!i tuoi amici mi mangiano con gli occhi e tu ti ecciti?perchè è questo lo strano effetto che ti fa vero?ti eri eccitato anche la volta della discoteca!
e così facendo me lo strinse forte
-eccome se 6 eccitato amore...
così facendo prese a segarmelo,e io le tolsi subito il perizoma e scesi giù a leccargliela,che bella la figa rasata da leccare...e che bella la sua figa,con quelle belle labbra grosse...lei iniziò a mugolare e io saltai fuori da sotto le coperte e mi misi a cavalcioni su di lei,facendomi fare una spagnola...ogni tanto allungava un pò il collo per dare una leccata alla mia cappella,poi mi disse:
-amore ho voglia...
detto fatto,scesi da lei e la lasciai sotto,le allargai le gambe e me le misi sopra le spalle,e iniziai a penetrarla...
-ah si..si amore che bello,che grosso si...
in effetti io mario e paolo eravamo vicini come dimensioni,il mio era un più lungo di quello di mario e largo di circonferenza poco meno,penso uno o due centimetri...
ad un certo punto lei iniziò ad alzare un pò la voce,penso x farsi sentire...
-OH SI AMORE SI COME è GROSSO...SI DAIII...
io mi eccitai ancora di più ed iniziai a dirle,sempre a voce alta:
-TI PIACE IL MIO CAZZO EH?TI PIACE...CHE ZOCCOLETTA...SEI UNA MAIALA
infatti lei quando era supereccitata non disdegnava commenti del genere...
-SI SONO LA TUA MAIALA CHE LO VUOLE TUTTO...
-LO VUOI TUTTO?E IO ORA TE LO SBATTO DIETRO...
non fece resistenza,infatti quando scopavamo avevo carta libera,diceva che le piaceva la mia fantasia...
La girai e si attaccò alla spalliera del letto,ed iniziai a montarla da dietro,con lei che ormai non si conteneva più....
-SI DAIIII DAIIIIII COME MI PIACE,SBATTIMI...
quando glie lo mettevo nel culo mi piaceva darle degli schiaffetti sulle chiappe,che non facevano altro che farla eccitare ancora di più...
la cosa durò parecchio,forse un oretta e mezzo,io avevo dalla mia il fatto di essermi fatto una sega poche ore prima,e questo mi consentì di reggere per parecchio a ritmi elevati e far avere a lei più di un orgasmo...
al momento cruciale glie lo portai in bocca e le dissi,-
-ORA BEVI TUTTO DAI..
e lei fece sparire un pò a fatica il mio pisello dentro la sua bocca,dato che aveva una bocca da pompinara ma non molto larga...
ci addormentammo abbracciati..
il giorno dopo al mare sentii le ragazze che parlavano con lei...
-beh divertiti stanotte??ahah
e poi continuarono la discussione tra di loro...
noi ragazzi andammo al baretto e lì subito partì l'intervista...
-cazzo ma non puoi scopare a voce bassa?ahah
-si era tutta la notte che vi sentivamo,e che sentivamo quello che le dicevi..e che ti diceva!!
e io...
-eh ragazzi che ci volete fare,avevamo voglia!
lì mario si fece più audace:
-dai racconta racconta...
era solito tra noi ogni tanto vantarci delle nostre scopate...
così raccontai a grandi linee,finchè francesco senza capire più un cazzo disse:
-minchia chissà che spagnole che ti fa!
calò il silenzio...
-cazzo scusa non so che mi è preso...
ma io decisi di continuare il gioco e gli dissi
-non preoccuparti...le fa da dio...avete visto ieri che attrezzatura eh?
e loro,cazzo eccome!
tornammo in spiaggia poco dopo e loro 3 erano ormai disinvolte nello stare senza reggiseno...
io mi sdraiai un pò e mario chiese chi voleva fare un bagno...nessuno rispose,allora alla fine si fece avanti alice...con un pò di delusione per mario si mise il reggiseno...
appena in acqua mario inizio a giocare allungando un pò le mani...
fecero una nuotata e ad un tratto urlarono che andavano verso gli scogli...
la nuotata durò parecchio,quasi un ora...al loro ritorno erano esausti...per la nuotata immagino...

Per commenti: [email protected]

Lei E I Miei Amici


AUTORE: Riccard82

(Si ringrazia l'autore per la gentile concessione di pubblicare il racconto che segue, originariamente apparso su i Racconti di Milù)


Mi presento, sono riccardo, ho 25 anni e sono un bel ragazzo ma non di certo un modello, diciamo che ci so fare parecchio.
Quella che vi voglio raccontare è una vicenda che mi è accaduta a 22 anni con la mia ex, con la quale stavo allora.
Lei si chiama Alice ed è una bella figa mora, chiara di carnagione con due gran tette, una quarta che su di lei, magra e alta 163, sembravano ancora + grosse, due belle labbra grosse come piacciono a me... e un bellissimo culo piccolo,un confetto...
Tutto questo i primi mesi mi rendeva geloso da morire,dato che lei ama vestirsi superscollata per mettere in mostra le sue tettone...che ovviamente erano preda degli sguardi di tutti...sapendo della mia gelosia i miei amici evitavano di fare commenti e di guardarla in maniera esagerata...o almeno di fronte a me...perchè x caso una sera in un locale sento due amici,paolo e carlo, parlare:

P-cazzo ma hai visto che bocce alice?
C-non me ne parlare che non faccio altro che guardargliele quando non c'è rick...
P-chissà che spagnole che fa cazzo...so che sono uno stronzo,ma ci pensi mai a come sarebbe scopartela?io spesso...che figa...
C-eccome se ci penso,ogni volta che siamo tutti insieme e lei è vestita come una troia,cioè sempre,come arrivo a casa mi faccio una sega pensando che me la scopo...e alle sue tettone che ballano!
P-a proposito di ballare,ma quando siamo in discoteca glie le vedi come ballano?mamma mia...

A quel punto io viola di rabbia ma allo stesso tempo spiazzato,mi allontano e gli grido da lontano:dai ragazzi ma quanto ci vuole?
Loro fanno finta di nulla e tornano al tavolo con noi,dove c'eravamo io,lei e altri amici,tra cui 3 ragazze.La serata prosegue in maniera normale,però ogni tanto guardo con la coda dell'occhio che loro la guardano furtivamente,e a quel punto guardo anche gli altri senza farmi accorgere,e noto che anche loro buttano spesso l'occhio...cazzo non mi ero accorto di niente...
La notte arrivato a casa non riesco a prendere sonno,penso e ripenso alle loro frasi...e mi ritrovo a pensare ai miei amici che la vedono nuda(uno spettacolo) e che se la vogliono trombare...e mi ritrovo con un erezione da paura!
Cosa sta succedendo??mi eccito a pensare alla mia ragazza con altri?Non capisco,sono confuso...
Nelle uscite giornaliere noto sempre più come i loro sguardi la mangino di nascosto,e allora ogni tanto mi allontano con delle scuse,per osservarli mentre la ammirano,e le guardano le tette...arriva il sabato e andiamo in discoteca,e decido di non ballare,dicendo che ero stanco,lei si incazza e le dico:
-ma guarda che puoi andare a ballare con loro mica ci son problemi...
lei e i miei amici rimangono stupiti,proprio x via della mia gelosia...
vanno a ballare,ci sono lei,altre 2 ragazze e 4 nostri amici...mi concentro su di lei e vedo come piano piano,ogni volta che si avvicinano a ballare,i miei amici le allungano le mani sul culo o sui fianchi,finchè non vedo proprio paolo e carlo che ballando mimano un sandwich x sherzare...incredibile,sono supereccitato...
ma il culmine è quando mimando un ballo di un musical paolo si mette dietro e le mette le braccia davanti,guardo con attenzione,e vedo che le tocca le tette un paio di volte.
La serata continua così finchè loro non si stancano di ballare e andiamo via.
Ci salutiamo e andiamo via in macchina.
Lei è incazzata perchè non ho ballato...A metà tragitto le chiedo se si era divertita,e mi fa con un sorrisino sarcastico:parecchio!Una volta vicini a casa sua le dico che secondo me le si erano strusciati un pò troppo,e lei mi fa:
-ma cosa smettila,sono i tuoi amici!poi sta un pò zitta e fa:certo che però in effetti carlo e paolo...un pò hanno esagerato...
e io,facendo il finto tonto:
-come scusa?perchè?
e lei,con un sorriso del cazzo mi fa:
-dai è normale che dei ragazzi ballando si struscino!a domani...
e scende dalla macchina...
Cazzo,ero di nuovo in preda all'eccitazione...le mando un sms dove le dico :mi dici cosa mi sono perso?
mi risponde subito,e mi scrive:dato che tu non 6 voluto venire a ballare ho ballato con loro,e mi si appoggiavano sul culo...e ad un certo punto x scherzo hanno anche fatto un sandwich...però ho sentito che si sono appoggiati x bene!e uno dei tuoi cari amici mi ha anche toccato le tette un paio di volte...incredibile,leggo,rivedo la scena,e mi masturbo...ho la forza x scriverle solo:ne parliamo domani,buonanotte.

il giorno dopo ci vediamo solo io e lei,per un oretta,e parliamo dell'accaduto...
ad un tratto mi fa:ma ti stai eccitando a sentirti dire che i tuoi amici mi hanno palpata?!??cazzo ma 6 scemo?
e io...:
-guarda scusa ma non so cosa sia,però mi fa quest'effetto.... e lei un pò incazzata e un pò eccitata,mi fa,vergognandosi:
-mentre mi si strusciavano mi sono un pò bagnata...e a casa mi sono fatta un ditalino,non riuscivo a dormire...e scoppia a piangere...e mi fa,ma io amo te era solo la situazione che mi ha fatto uno strano effetto...
Le dico,non preoccuparti,però che non succeda più,ok?
Nel giro di un paio di settimane,tra gli sguardi fugaci dei miei amici e qualche commento che sentivo,la situazione sembrava normale.
Ma arrivava l'estate...il mare...e i costumi da bagno!
D'estate ci orgnizziamo i soliti 8,io lei,paolo e carlo,francesco,mario,laura e eleonora.Noi eravamo l'unica coppia.
Abbiamo preso una casetta al mare con 4 camere da letto,però io avevo chiesto che venissa presa col bagno mio e di alice a parte,che avrei pagato di + senza problemi...
Tutti al mare...
Se vi ricordate la descrizione del suo fisico vi immaginerete le facce al momento di toglierci le magliette e rimanere in costume...anche ele e laura non erano male,ele era biondina aveva una seconda con delle belle gambe e un gran culo,laura mora scura di carnagione,con 2 tette grandi ma un pò in carne,ma lei era un altra cosa.
In costume era paurosa...2 tette da infarto,e con la mutandina alla brasiliana era veramente figa.
Poco dopo essere arrivati io mi metto a giocare a racchette con paolo,e gli altri sono tutti rimasti sugli asciugamani.
Vedo che carlo seduto vicino a lei scherzando facendole il solletico ne approfitta per toccare qua e là...la cosa mi sveglia l'eccitazione e dico a paolo,dai giochiamo in acqua!
Finita la partita andiamo a sdraiarci e c'è mario che fa un massaggio a eleonora a cavalcioni sul culo.Niente di scandaloso,anzi,Mario fa il fisioterapista quindi un pò tutti ogni tanto gli scrocchiamo un massaggio.Poco dopo ali mi fa:amore ti da fastidio se mario fa un massaggio alla schiena anche a me?
Che stronza,me l'ha chiesto a voce alta in modo che non potessi dirle di no...
le dico:
-e che problema ci dovrebbe essere?...invece io stavo già pensando a mario seduto sulla mia ragazza con le mani su e giù...
Poco dopo ecco mario prendere posizione,come prima con ele,si mette a cavalcioni su alice ed inizia il massaggio,ma dopo poco le dice:
-scusa ali ti darebbe fastidio slacciare il reggiseno?tanto sei sdraiata,perchè così mi viene molto male..
Lei si volta verso di me ma faccio finta di essere addormentato approfittanfo del cappello alla pescatora x il sole sul viso..lei fa:
-no problem,slaccialo tu...
mi stavo eccitando a vedere uno che slaccia il reggiseno alla mia donna...ad un tratto,colpo di scena...francesco paolo ele e carlo vanno a fare il bagno mentre laura russa già da un pò...il massaggio continua e ad un certo punto noto che mario scende sempre + sui fianchi all'altezza dei seni,toccandoli verso l'esterno...lei non gli dice niente...ad un tratto vedo il bacino di mario che fa dei movimenti impercettibili e lei che ha un mezzo sussulto,però muove un pò il culo,lui cerca di scendere verso i seni,poi lei lo blocca e fa con un filo di voce:basta...
Lui fa:
- scusami ho sbagliato scusa.
e lei:-non fa niente ma rimanga tra noi.incredibile,stavo sperando che non si fermassero...
dopo un quarto d'ora arrivano gli altri,laura dorme ancora,mario legge,io faccio sempre finta di dormire,e lei si è addormentata davvero..arrivano fanno un pò di casino e ci svegliano...dopo un pò andiamo via.Arrivati a casa tutti in doccia,loro a turno,e noi con calma nel nosro bagno.
Vanno tutti a fare la spesa tranne io e ali(speravo che rimanendo soli me l'avrebbe data...),ma lla fine resta pure carlo,che sfiga...io sono in soggiorno a guardare la tv e alice in bagno,quando carlo mi fa:
-oh rick mi presti il caricabatterie che il mio lìho dimenticato?
-prendilo pure è in camera nella valigia blu,guarda che la rossa è di alice,quindi non sbagliarti!
lui mi fa:
- ma entra tu mica io...
-no vai tu non ho voglia di alzarmi,tanto alice sarà in bagno...
-ok...
In realtà puntavo sul fatto che alice aveva paura di rimanere chiusa in bagno e se aveva il bagno a parte lasciava la porta semiaperta...
Carlo entra e gli va meglio del previsto,il costume di ali era x terra vicino al letto ma soprattutto lei era in bagno davanti allo specchio che si asciugava i capelli...nuda....tanto chi la poteva vedere...carlo rimase un pò incantato poi preso dalla paura uscì dalla camera col caricabatterie in mano:
-oh ma che l'avevi nascosto?non lo trovavo...
.........
Ora di cena,tutti nel giardinetto,le ragazze tutte in cannottierina e pantaloncini,e noi chi in cannottiera chi a petto nudo..ovviamente alice non aveva reggiseno perchè mi aveva detto che si era bruciata la schiena e le faceva male...quindi i caimani erano tutti pronti a vederla inchinata...ma x loro sfortuna a cena non successe niente...
la sera facciamo un giro in un paio di bar del posto,poi tornati a casa un pò alticci le ragazze si improvvisano modelle e fanno tipo delle sfilate...quando passa ali tutti a fischiare e facendo commenti sottovoce e ridacchiando...io ero viola e loro ma dai che scheziamo...ad un tarttò sentii che carlo diceva a paolo:mamma mia ti dico che ra in bagno nuda che si asciugava,con quelle tettone al vento,ha 2 capezzoli enormi,e poi ha la figa rasata...mamma mia...
...la notte ali non me la volle dare ma riuscii a farmi fare un pompino...
.......
il giorno dopo al mare eravamo solo io carlo ali e paolo,e partirono un paio di battutine tipo ali vado a fare il bagno mi presti le boe?
e io che facevo tutto l'incazzato e gli dicevo si smetterla...ad un certo punto faccio finta di addormentarmi come il giorno prima e loro si fecero + audaci:fece carlo:
-ali ma secondo te la pallina delle racchette si incastra?
e lei con un sorrisino da troia:
-e che ne so,secondo te?
e lui:-boh non so controlliamo...
e glie la posizionò tra le tette...la pallina rimaneva incastrata...alchè lei disse con un'aria da gran troia:beh vi incantate?ora la devi prendere come l hai messa...e quando carlo si avvicinò x prenderla lei la strinse con le tette...ero eccitato da morire...anche paolo allungò le mani facendo finta di cercare la pallina...poi anche roberto disse la sua:
-ali abbiamo fatto 1 scommessa ci faresti vedere il seno?
-ma x chi mi avete presa?
-dai non te la prendere...è solo che lui dice che secondo lui hai i capezzoli piccoli e bruttini,invece io il contrario...
e lei:- ah parlate delle mie tette voi 2? e quale sarebbe la ricompensa per chi ha ragione?
i 2 si guardano e paolo fa:
-la ricompensa devi sceglierla tu,un regalino?
-ma siete proprio dei pervertiti...però...questo gioco mi eccita...sparate le vostre idee...al volo però prima che si svegli rick...
paolo fece subito:io una spagnola e ti vorrei venire sulle tettone...
e carlo:io invece vorrei fare un 69,perchè secondo me hai la figa rasata!
detto fatto,lei disse:-ok ora vediamo chi ha vinto!tirò fuori una tetta e spuntò fuori il suo capezzolone nero grande,e paolo esclamò:
-ho vinto!!
a quel punto feci dei rumori come x fargli credere che mi stessi x svegliare,e lei si affrettò a dire ai miei "amici",ha vinto paolo,però hai vinto anche tu carlo,perchè ce l'ho rasata...e gli fece un occhiolino....gli disse,domani quando dovremo andare alle grotte io dirò che non mi sento bene e voi troverete una scusa quando sarete in macchina...ok?
........
Oh cazzo il gioco si era fatto troppo pesante...
la sera me la scopai quando gli altri andarono a fare la spesa...
il giorno dopo come da copione ognuno tirò fuori la sua scusa,ma io,che avevo in macchina carlo e paolo,telefonai agli altri 4 per dirgli che avevo bucato e di andare altrimenti avrebbero perso il traghetto...
tornai a casa in gran segreto e ancora loro 2 non erano arrivati...mi nascosi nella camera delle ragazze fino al loro arrivo...
quando arrivarono erano pazzi di voglia di lei...
entrarono in casa e la chiamarono..appena uscì dalla camera le saltarono addosso,ma lei disse:
-un attimo...io devo solo pagare le scommesse,quindi fate i bravi...iniziò un breve spogliarello,che troia aveva una canottiera bianca che si bagno con l'acqua,e un perizoma inesistente...
-prima pago paolo poi te carlo,ok?
loro fecero cenno di si con la testa,e lei si inginocchiò e slacciò il costume di paolo,che aveva un bel bestione parecchio lungo e abbastanza largo...gli diede due leccate poi se lo mise in mezzo alle tette,ad un tratto disse:è bellissimo mi arriva fino in bocca!e così facendo ogni tanto glie lo leccava...ad un tratto lo vidi fermarsi e le disse:
-VENGO-OOOOOO-OOOOOOOOOO......OH.....che spagnola cazzo!!
le aveva inondato le tettone...ora era arrivato il turno di carlo,che se lo toccava e non resisteva più...
-ti ho eccitato maiale??ora tocca e te,e si misero sul MIO letto (!!!) nel quale lei si tirò giù le mutandine fradice e gli tolse il costume:
-CAZZO!è enorme!
in effetti il pisello di carlo era abbastanza lungo ma normale,ma era molto grosso di circonferenza...
alchè gli si fiondò sopra e poi si girò iniziando a farsela leccare...il cazzo di carlo entrava e usciva a fatica da quelle bocca da pompinara...carlo però venne subito perchè era troppo eccitato dalla scena precedente...
lei un pò delusa perchè era troppo eccitata disse...
-ho voglia di scopare!
paolo le si fiondò sopra e le leccò le tette,poi le allargò le gambe e lei urlò di piacere...
la pompava forte,e ad un certo punto carlo col cazzo durò le si avvicinò da dietro e le disse:
ti ricordi la sera in discoteca quando mi strusciavo?
e lei in preda al piacere...:
-s....siiii....
lui:-beh avrei voluto farti questo...
e iniziò a toccarle il buco del culo...lei disse:
-lo voglio ma è troppo grosso!
-e tu 6 troppo troia!
così facendo le infilò un dito nel culo,che poi diventarono 2,poi tre,e poi le disse,dopo averla leccata:
-6 pronta?
con un pò do paura mista ad eccitazione disse:
-si,entra...
...
-AAAAAAHHHHH MAMMA MIA è ENORME,ODDIO CHE BELLO!!
guardavo la mia ragazza prendere un cazzo in figa e l'altro nel culo da due miei amici e mi facevo una sega!dopo aver cambiato un pò di posizioni ed esserdi alternati,i miei amici a turno le inondarono la faccia e la bocca di sperma...
-oh cazzo si è fatto tardi tra mezz'ora torneranno dalla gita!
esclamò alice...allora i due si ricomposero ed uscirono in fretta e furia,mentre lei diede una sistemata al letto e si fece una doccia...
Io "rientrai" subito dopo,e le dissi che avevo avuto un problema con la macchina e che avevo passato la mattinata dal gommista....
le chiesi:
-tu stai meglio?
e lei con un sorrisino beffardo:
-oh si molto meglio!e mi diede un bacio...

Per commenti: [email protected]

Lei E I Miei Amici (III)


AUTORE: Riccard82

Appena tornati a casa dissi ad alice, con aria un pò incazzata ma non troppo convinta:
-posso sapere come mai siete spariti x così tanto oggi ?eh?
e lei - ma dai te l'ho detto eravamo agli scogli- lo disse con un sorrisino del cazzo....
eravamo nella nostra camera ancora in costume e ad un certo punto sbottai:
-6 una bugiarda,perchè non dici la verità?eh?è meglio che dici come stanno le cose,non puoi pensare di nasconderti...dimmi cos'è successo...
dopo un pò di tira e molla confessò:
- e va bene,non abbiamo solo nuotato...
le dico: - raccontami tutto....
lei inizia (unirò la descrizione,ma lei ogni tanto mi diceva,vuoi che continui?)... :
-mario ha insistito x fermarci un pò in un'insenatura dietro gli scogli con un pezzo minuscolo di spiaggia dove non c'era nessuno,io dopo un pò di resistenza gli ho detto ok,e appena sul bagnasciuga mi chiede se volevo continuare il massaggio dell'altro giorno...io capisco che intenzioni ha e gli dico di no,poi però insiste e alla fine cedo...mi si mette a cavalcioni come l'altra volta,mi chiede di slacciare il reggiseno che così gli viene male,e tanto sono a pancia in giù,ma poco dopo sento la sua erezione sulle mie natiche...inizia a muovere il bacino,l'aveva già fatto l'altra volta...inconsciamente inizio e muovere il sedere su e giù anche io,finchè lui prende e infila le sue dita nel mio perizoma...ero fradicia,lui continua tra dita nelle mutandine e movimento di bacino...
ad un tratto mi dice,-girati!- , mi giro e faccio x coprirmi il seno,ma lui subito mi tira via le braccia e inizia a toccarmi e leccarmi le tette,e mi dice che era una vita che le sognava....
poi si è tolto il costume e ha tolto le mutandine anche a me...appena mi ha visto la figa rasata ha spalancato la bocca e ha iniziato a leccarmi...per poco,dato che si è subito alzato in piedi e mi ha avvicinato il pisello (niente di eccezionale,dimensioni nella media) alla bocca,e mentre glie lo succhiavo mi diceva che ieri si era eccitato troppo a guardarmi le tette,che voleva sborrarmi sulle tette...e io mi sono eccitata ancora di più,lui se n'è accorto e allora mi ha fatto girare e mi ha fatto mettere a 4 zampe...con un colpo secco me l'ha infilato nella figa,e mentre me lo sbatteva dentro mi strizzava le tette...dopo qualche minuto così mi ha fatto mettere di nuovo a pancia in su perchè diceva che mi voleva vedere godere,che porco...ero troppo eccitata e sono venuta dopo poco...lui dopo 5 minuti lo ha tolto fuori,e dopo 2 leccate mi è venuto come voleva sulle tette......
questo è quello che hai voluto sapere...scusa non so che dirti...
.........
........seguì qualche minuto di silenzio,dopodichè io le dissi:
-non riesco più a tenermelo dentro,mi piace vederti fare la troia con gli altri e loro che ti desiderano....ti ho vista anche l'altra mattina a casa,il giorno prima il massaggio di mario al mare,le battutine con paolo e carlo...
.......
rimase pietrificata....
-mi era passata x la testa l'idea che ti eccitasse vedermi desiderata dagli altri...
ma non credevo che potessi sapere tutto questo,e che ti eccitasse...

le spiegai bene la situazione,e dopo un pò di disorientamento ne fu ovviamente eccitata...la notte dopo una cena tranquilla con qualche sguardo malizioso dei 3 miei amici nei suoi confronti,ci facemmo una gran trombata,parlando a bassa voce di quello che l'avrebbe eccitata e che mi avrebbe eccitato...

........

il mattino seguente inventando la scusa che io dormivo chiese a paolo se la poteva accompagnare a comprare un nuovo costume,lui ovviamente disse di si,ma all'ultimo si aggregò anche mario...
paolo era un pò deluso della presenza di mario,ma la mia bella troiona per niente...pensava solo a quale stratagemma inventare per scoparseli probabilmente tutti e due,a cuor leggero dopo che aveva avuto la mia approvazione...
indossò una mini chiara e una camicetta quasi trasparente con il reggiseno sotto...
arrivarono nel negozio e lei iniziò a provare un pò di costumi,ovviamente tutti molto ridotti...
ad ogni cambio chiedeva ai due possibili pareri,e loro ovviamente si beavano di quelle forme....
alla fine decise di chiedere alla commessa un costume di una taglia + piccola sia di reggiseno che di perizoma...il risultato fu che dal reggiseno per poco non uscivano i suoi capezzoloni,e che dal perizoma bastava un pò di immaginazione per vederla quasi nuda...
i miei amici ovviamente le fecero notare la situazione,e lei disse:
-perfetto!oggi voglio far impazzire tutta la spiaggia quando passo!
e non avrebbe faticato così conciata...
indossò subito nel negozio il nuovo costume...
........
in macchina i ragazzi ripresero l'argomento,e lei disse che la eccitava essere mangiata con gli occhi...
oramai non aveva più freni inibitori,nè nei comportamenti,nè nel parlare...
chiese ai miei 2 amici di andare direttamente al mare che poi io carlo francesco ele e laura li avremmo raggiunti...ovviamente loro non fecero alcuna opposizione,e tornarono nella spiaggia dove eravamo stati il giorno prima...
c'era tanta gente,e lei con la scusa di bagnarsi per il troppo caldo
ogni 10 minuti faceva la passerella dagli asciugamani alla riva...il nuovo costume lasciava davvero poco all'immaginazione...
ad un tratto alice chiese a mario di tornare nella caletta del giorno prima,e lui,un pò stupito perchè c'era anche paolo,disse ok,ma che sarebbero dovuti passare dalle rocce perchè avevano le borse,e non era così vicino...
dopo una camminata non da poco arrivarono nella spiaggetta,e il fatto che fosse così piccola teneva lontani gli altri bagnanti...sistemate le borse e gli asciugamani si sdraiarono e lei quasi subito si tolse il reggiseno,si mise a pancia in giù e disse a mario:
-beh oggi niente massaggio?
sia lui che paolo avevano un pò timore di esporsi poichè uno non sapeva dell'altro...
mario le disse:
-certo non c'è problema!
si mise come sempre a cavalcioni,ma stavolta il massaggio era molto più contenuto,fu lei ad iniziare a muovere un pò il culo sotto di lui,dicendo senza mezzi termini:
-dai ragazzi ora fate i timidi??guardate che quello che ho fatto con uno ho fatto con l'altro,quindi non intimoritevi!
lo disse con un tono tra la sfida e la presa in giro...
loro due spiazzatissimi si guardarono per un paio di secondi,e poi di scattò paolo si alzò e le disse:
-ah si?era ora è dall'altro giorno dopo che ti ho scopata che mi ammazzo di seghe,ora te la do io la timidezza!
mario si alzò e la fece girare...
paolo si avventò sulle tettone,mentre mario le spostò il perizoma e iniziò a leccarla...paolo non resisteva più e si tolse il costume,e glie lo posizionò in bocca...lei iniziò a succhiare avidamente...
mario si denudò e le tolse le mutandine,e con violenzà la penetrò...iniziò a pomparla e lei succhiava con più foga il cazzone di paolo........
andarono avanti così qualche minuto,dopodichè mario le disse:
-ora voglio una cosa che ieri non mi hai dato...
la fece mettere a 4 zampe come il giorno prima ma questa volta iniziò a leccarle il buchino di dietro...lei iniziava a contorcersi dal piacere,e continuava a succhiare il pisello di paolo....
sentì il pisello di mario appoggirsi sul suo buco del culo,non dovette fare chissà quale sforzo per entrare non avendo chissà che membro ed essendo il buchino della mia donna abbastanza allenato...però lei ovviamente sentì un pò di dolore,ma era sempre più eccitata...squillò un telefono,ma lei subito disse:
-non vi azzardate a rispondere,ah sii...
...ad un tratto senza avvisarla paolo le inondò la bocca e la faccia di sperma...
mario dopo poco,approfittando del momentaneo riposo di paolo,ne approfittò per farsi fare una spagnola con quelle tette enormi...dopo poco le venne copiosamente in mezzo al seno,e lei si portò lo sperma alla bocca e lo leccò tutto...
paolo nel frattempo si era rinvigorito,e senza darle tregua iniziò a sbatterla per bene nella figa,lei godeva e urlava:
-mamma mia che cazzo che hai paolo,me lo sento in pancia!ah,dai...siii...daiiiiii......siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii che bello vengooooo.....
.......
era venuta,e mentre paolo continuava a pomparla lei era assente...tempo 5 minuti e anche paolo venne,anche lui sulle tettone della mia maiala....
....si ricomposero e dopo poco ci chiamarono per raggiungerci....
appena arrivati da noi in spiaggia paolo disse che i telefoni li avevano dimenticati in una borsa dove c'erano documenti portafogli ecc. in macchina,ed erano andati a recuperarli...appena ci raggiunsero io vidi il sorriso da troia sulla faccia della mia ragazza...

stava diventando proprio una troia da monta...
Per commenti: [email protected]

Lei E I Miei Amici (II)


AUTORE: Riccard82

La giornata trascorse tranquilla,ma vivevo un perenne stato di eccitazione a pensare al giorno prima in spiaggia,ma soprattutto alla mattina,quando l'avevo vista scopare con loro.
Ad un tratto il pomeriggio,dato che non tutti volevamo andare al mare, eravamo in giardino chi sdraiato con l'asciugamano,chi sulle sdraio.
Approfittando del fatto che ci fossimo solo noi ele e a ruota la seguì laura, si tolsero i reggiseni , dopo aver detto,scherzando ma non troppo:ragazzi non fate i depravati e non vi mettete a fissarci le tette per favore,ok?
Lì nella mia testa iniziò una sorta di conto alla rovescia...quanto ci avrebbe messo lei a chiedermi se mi dava fastidio se l'avesse fatto anche lei?
Data la sua escalation di troiaggine degli ultimi tre giorni dopo venti minuti mi porse la domanda:
-amore posso toglierlo anche io?tanto come non guardano ele e laura non guarderanno me...posso?
che troia,aveva fatto come al mare per il massaggio di mario,me l'aveva chiesto a voce alta per non darmi scampo...
-mmm,va bene...e voi vedete di non guardare!
risposero in due,
-ma smettila,ti pare,per chi ci hai preso...
si tolse il reggiseno e pur facendo gli indifferenti gli si leggeva l'eccitazione sul volto...non tanto carlo e paolo,che le avevano già viste,leccate e paolo ci aveva anche fatto una spagnoletta,
ma mario e francesco,che non le avevano mai viste,ma sicuramente immaginate...vedere questa eccitazione per la mia donna mi fece impazzire e con una scusa entrai dentro e corsi in bagno a farmi una sega.
Al ritorno i miei amici erano tutti sdraiati a pancia in giù,classico di un ragazzo in costume eccitato...
lei con una disinvoltura che chiamerei più porcaggine,si alzava,entrava in cucina,usciva,si spalmava la crema...
vedevo i loro sguardi che cercando di non farsi scoprire la mangiavano con gli occhi...
scese la sera e dopo le docce cenammo tutti,ma data la stanchezza di chi era andato alle grotte...
e la stanchezza di chi era rimasto a casa a divertirsi...non uscimmo,ma bevemmo qualcosa in casa...verso l'una e mezzo tra una chiacchera e un bicchiere eravamo tutti un pò brilli,e quel coglione di paolo fece:
-ragazze perchè non fate come l'altra sera una mezza sfilata?dai giusto x ridere!però in costume,come oggi!
ele fece:
-come oggi in che senso?
-nel senso,perizoma si,reggiseno no!
e scoppiarono tutti a ridere...
ad un tratto ele disse,aiutata dall'alcol:
-vabbè tanto ormai le avete viste oggi,quindi che differenza fa!
paolo esclamò:
-BENE!ovviamente il discorso per te non vale ali,tu devi chiedere il permesso!
disse sfottendola,ma il suo intento era quello di sfidarla visto il suo caratterino orgoglioso...
- io no devo chiedere proprio nessun permesso!è che non mi va....
......
la situazione si metteva male,o benissimo,a seconda dei punti di vista contrastanti nella mia mente...

paolo continuò a stuzzicarla,
-si si...non ti devi vergognare,è normale che tu debba chiedere il permesso...
lo disse ridacchiando...
a quel punto alice tra eccitazione e orgoglio disse:
-dici?e invece io ci sto!
tutti mi guardarono,e io come per giustificarla dissi...
dai è solo un gioco,tanto glie le avrete guardate per tutta la sera...
eravamo tutti un pò brilli,quindi uscivano dalla bocca le classiche frasi che non diresti da lucido...
le ragazze si tolsero chi gonna chi pantaloni e rimasero in perizoma e reggiseno...che volò via subito...iniziarono la pseudosfilata,e io comunque alla vista di due tette diverse dalle solite,le guardai con piacere,e guardai anche i loro culi,soprattutto quello di ele...ali se ne accorse e mi fulminò con lo sguardo...temevo una reazione...
toccò a lei che camminava in modo da farle proprio ballare...arrivò alla mia altezza,si infilò quel poco che rimaneva del perizoma tutto nel solco delle chiappe,e tornando indietro si fermò di fronte agli altri e fece ballare le tettone piegandosi un pò in avanti...poi si girò su se stessa e sculettò col culo praticamente tutto scoperto,tra i fischi e le urla dei miei amici...seguì qualche secondo di silenzio...
add un tratto x stemperare la tensione laura disse:
-forse è il caso che andiamo a dormire,altrimenti domani non ci alziamo più...
tutti fummo d'accordo,e una volta a letto mi girai da alice e le dissi:
-oggi hai davvero esagerato!c'era da alzarti a calci nel culo!
-ah si?e tu perchè allora non gli hai pure toccato il culo e le tette a laura ed ele?te le stavi mangiando con gli occhi stronzo!
ci calmammo un pò e le dissi,iniziando una minima confessione,
-sai che mi ha fatto uno strano effetto vedere le loro facce quando glie le hai messe davanti (e così facendo glie le strinsi forte) e quando ti hanno squadrato il culo?
e lei sorridendo...
-che maiale!i tuoi amici mi mangiano con gli occhi e tu ti ecciti?perchè è questo lo strano effetto che ti fa vero?ti eri eccitato anche la volta della discoteca!
e così facendo me lo strinse forte
-eccome se 6 eccitato amore...
così facendo prese a segarmelo,e io le tolsi subito il perizoma e scesi giù a leccargliela,che bella la figa rasata da leccare...e che bella la sua figa,con quelle belle labbra grosse...lei iniziò a mugolare e io saltai fuori da sotto le coperte e mi misi a cavalcioni su di lei,facendomi fare una spagnola...ogni tanto allungava un pò il collo per dare una leccata alla mia cappella,poi mi disse:
-amore ho voglia...
detto fatto,scesi da lei e la lasciai sotto,le allargai le gambe e me le misi sopra le spalle,e iniziai a penetrarla...
-ah si..si amore che bello,che grosso si...
in effetti io mario e paolo eravamo vicini come dimensioni,il mio era un più lungo di quello di mario e largo di circonferenza poco meno,penso uno o due centimetri...
ad un certo punto lei iniziò ad alzare un pò la voce,penso x farsi sentire...
-OH SI AMORE SI COME è GROSSO...SI DAIII...
io mi eccitai ancora di più ed iniziai a dirle,sempre a voce alta:
-TI PIACE IL MIO CAZZO EH?TI PIACE...CHE ZOCCOLETTA...SEI UNA MAIALA
infatti lei quando era supereccitata non disdegnava commenti del genere...
-SI SONO LA TUA MAIALA CHE LO VUOLE TUTTO...
-LO VUOI TUTTO?E IO ORA TE LO SBATTO DIETRO...
non fece resistenza,infatti quando scopavamo avevo carta libera,diceva che le piaceva la mia fantasia...
La girai e si attaccò alla spalliera del letto,ed iniziai a montarla da dietro,con lei che ormai non si conteneva più....
-SI DAIIII DAIIIIII COME MI PIACE,SBATTIMI...
quando glie lo mettevo nel culo mi piaceva darle degli schiaffetti sulle chiappe,che non facevano altro che farla eccitare ancora di più...
la cosa durò parecchio,forse un oretta e mezzo,io avevo dalla mia il fatto di essermi fatto una sega poche ore prima,e questo mi consentì di reggere per parecchio a ritmi elevati e far avere a lei più di un orgasmo...
al momento cruciale glie lo portai in bocca e le dissi,-
-ORA BEVI TUTTO DAI..
e lei fece sparire un pò a fatica il mio pisello dentro la sua bocca,dato che aveva una bocca da pompinara ma non molto larga...
ci addormentammo abbracciati..
il giorno dopo al mare sentii le ragazze che parlavano con lei...
-beh divertiti stanotte??ahah
e poi continuarono la discussione tra di loro...
noi ragazzi andammo al baretto e lì subito partì l'intervista...
-cazzo ma non puoi scopare a voce bassa?ahah
-si era tutta la notte che vi sentivamo,e che sentivamo quello che le dicevi..e che ti diceva!!
e io...
-eh ragazzi che ci volete fare,avevamo voglia!
lì mario si fece più audace:
-dai racconta racconta...
era solito tra noi ogni tanto vantarci delle nostre scopate...
così raccontai a grandi linee,finchè francesco senza capire più un cazzo disse:
-minchia chissà che spagnole che ti fa!
calò il silenzio...
-cazzo scusa non so che mi è preso...
ma io decisi di continuare il gioco e gli dissi
-non preoccuparti...le fa da dio...avete visto ieri che attrezzatura eh?
e loro,cazzo eccome!
tornammo in spiaggia poco dopo e loro 3 erano ormai disinvolte nello stare senza reggiseno...
io mi sdraiai un pò e mario chiese chi voleva fare un bagno...nessuno rispose,allora alla fine si fece avanti alice...con un pò di delusione per mario si mise il reggiseno...
appena in acqua mario inizio a giocare allungando un pò le mani...
fecero una nuotata e ad un tratto urlarono che andavano verso gli scogli...
la nuotata durò parecchio,quasi un ora...al loro ritorno erano esausti...per la nuotata immagino...

Per commenti: [email protected]

Lei E I Miei Amici


AUTORE: Riccard82

(Si ringrazia l'autore per la gentile concessione di pubblicare il racconto che segue, originariamente apparso su i Racconti di Milù)


Mi presento, sono riccardo, ho 25 anni e sono un bel ragazzo ma non di certo un modello, diciamo che ci so fare parecchio.
Quella che vi voglio raccontare è una vicenda che mi è accaduta a 22 anni con la mia ex, con la quale stavo allora.
Lei si chiama Alice ed è una bella figa mora, chiara di carnagione con due gran tette, una quarta che su di lei, magra e alta 163, sembravano ancora + grosse, due belle labbra grosse come piacciono a me... e un bellissimo culo piccolo,un confetto...
Tutto questo i primi mesi mi rendeva geloso da morire,dato che lei ama vestirsi superscollata per mettere in mostra le sue tettone...che ovviamente erano preda degli sguardi di tutti...sapendo della mia gelosia i miei amici evitavano di fare commenti e di guardarla in maniera esagerata...o almeno di fronte a me...perchè x caso una sera in un locale sento due amici,paolo e carlo, parlare:

P-cazzo ma hai visto che bocce alice?
C-non me ne parlare che non faccio altro che guardargliele quando non c'è rick...
P-chissà che spagnole che fa cazzo...so che sono uno stronzo,ma ci pensi mai a come sarebbe scopartela?io spesso...che figa...
C-eccome se ci penso,ogni volta che siamo tutti insieme e lei è vestita come una troia,cioè sempre,come arrivo a casa mi faccio una sega pensando che me la scopo...e alle sue tettone che ballano!
P-a proposito di ballare,ma quando siamo in discoteca glie le vedi come ballano?mamma mia...

A quel punto io viola di rabbia ma allo stesso tempo spiazzato,mi allontano e gli grido da lontano:dai ragazzi ma quanto ci vuole?
Loro fanno finta di nulla e tornano al tavolo con noi,dove c'eravamo io,lei e altri amici,tra cui 3 ragazze.La serata prosegue in maniera normale,però ogni tanto guardo con la coda dell'occhio che loro la guardano furtivamente,e a quel punto guardo anche gli altri senza farmi accorgere,e noto che anche loro buttano spesso l'occhio...cazzo non mi ero accorto di niente...
La notte arrivato a casa non riesco a prendere sonno,penso e ripenso alle loro frasi...e mi ritrovo a pensare ai miei amici che la vedono nuda(uno spettacolo) e che se la vogliono trombare...e mi ritrovo con un erezione da paura!
Cosa sta succedendo??mi eccito a pensare alla mia ragazza con altri?Non capisco,sono confuso...
Nelle uscite giornaliere noto sempre più come i loro sguardi la mangino di nascosto,e allora ogni tanto mi allontano con delle scuse,per osservarli mentre la ammirano,e le guardano le tette...arriva il sabato e andiamo in discoteca,e decido di non ballare,dicendo che ero stanco,lei si incazza e le dico:
-ma guarda che puoi andare a ballare con loro mica ci son problemi...
lei e i miei amici rimangono stupiti,proprio x via della mia gelosia...
vanno a ballare,ci sono lei,altre 2 ragazze e 4 nostri amici...mi concentro su di lei e vedo come piano piano,ogni volta che si avvicinano a ballare,i miei amici le allungano le mani sul culo o sui fianchi,finchè non vedo proprio paolo e carlo che ballando mimano un sandwich x sherzare...incredibile,sono supereccitato...
ma il culmine è quando mimando un ballo di un musical paolo si mette dietro e le mette le braccia davanti,guardo con attenzione,e vedo che le tocca le tette un paio di volte.
La serata continua così finchè loro non si stancano di ballare e andiamo via.
Ci salutiamo e andiamo via in macchina.
Lei è incazzata perchè non ho ballato...A metà tragitto le chiedo se si era divertita,e mi fa con un sorrisino sarcastico:parecchio!Una volta vicini a casa sua le dico che secondo me le si erano strusciati un pò troppo,e lei mi fa:
-ma cosa smettila,sono i tuoi amici!poi sta un pò zitta e fa:certo che però in effetti carlo e paolo...un pò hanno esagerato...
e io,facendo il finto tonto:
-come scusa?perchè?
e lei,con un sorriso del cazzo mi fa:
-dai è normale che dei ragazzi ballando si struscino!a domani...
e scende dalla macchina...
Cazzo,ero di nuovo in preda all'eccitazione...le mando un sms dove le dico :mi dici cosa mi sono perso?
mi risponde subito,e mi scrive:dato che tu non 6 voluto venire a ballare ho ballato con loro,e mi si appoggiavano sul culo...e ad un certo punto x scherzo hanno anche fatto un sandwich...però ho sentito che si sono appoggiati x bene!e uno dei tuoi cari amici mi ha anche toccato le tette un paio di volte...incredibile,leggo,rivedo la scena,e mi masturbo...ho la forza x scriverle solo:ne parliamo domani,buonanotte.

il giorno dopo ci vediamo solo io e lei,per un oretta,e parliamo dell'accaduto...
ad un tratto mi fa:ma ti stai eccitando a sentirti dire che i tuoi amici mi hanno palpata?!??cazzo ma 6 scemo?
e io...:
-guarda scusa ma non so cosa sia,però mi fa quest'effetto.... e lei un pò incazzata e un pò eccitata,mi fa,vergognandosi:
-mentre mi si strusciavano mi sono un pò bagnata...e a casa mi sono fatta un ditalino,non riuscivo a dormire...e scoppia a piangere...e mi fa,ma io amo te era solo la situazione che mi ha fatto uno strano effetto...
Le dico,non preoccuparti,però che non succeda più,ok?
Nel giro di un paio di settimane,tra gli sguardi fugaci dei miei amici e qualche commento che sentivo,la situazione sembrava normale.
Ma arrivava l'estate...il mare...e i costumi da bagno!
D'estate ci orgnizziamo i soliti 8,io lei,paolo e carlo,francesco,mario,laura e eleonora.Noi eravamo l'unica coppia.
Abbiamo preso una casetta al mare con 4 camere da letto,però io avevo chiesto che venissa presa col bagno mio e di alice a parte,che avrei pagato di + senza problemi...
Tutti al mare...
Se vi ricordate la descrizione del suo fisico vi immaginerete le facce al momento di toglierci le magliette e rimanere in costume...anche ele e laura non erano male,ele era biondina aveva una seconda con delle belle gambe e un gran culo,laura mora scura di carnagione,con 2 tette grandi ma un pò in carne,ma lei era un altra cosa.
In costume era paurosa...2 tette da infarto,e con la mutandina alla brasiliana era veramente figa.
Poco dopo essere arrivati io mi metto a giocare a racchette con paolo,e gli altri sono tutti rimasti sugli asciugamani.
Vedo che carlo seduto vicino a lei scherzando facendole il solletico ne approfitta per toccare qua e là...la cosa mi sveglia l'eccitazione e dico a paolo,dai giochiamo in acqua!
Finita la partita andiamo a sdraiarci e c'è mario che fa un massaggio a eleonora a cavalcioni sul culo.Niente di scandaloso,anzi,Mario fa il fisioterapista quindi un pò tutti ogni tanto gli scrocchiamo un massaggio.Poco dopo ali mi fa:amore ti da fastidio se mario fa un massaggio alla schiena anche a me?
Che stronza,me l'ha chiesto a voce alta in modo che non potessi dirle di no...
le dico:
-e che problema ci dovrebbe essere?...invece io stavo già pensando a mario seduto sulla mia ragazza con le mani su e giù...
Poco dopo ecco mario prendere posizione,come prima con ele,si mette a cavalcioni su alice ed inizia il massaggio,ma dopo poco le dice:
-scusa ali ti darebbe fastidio slacciare il reggiseno?tanto sei sdraiata,perchè così mi viene molto male..
Lei si volta verso di me ma faccio finta di essere addormentato approfittanfo del cappello alla pescatora x il sole sul viso..lei fa:
-no problem,slaccialo tu...
mi stavo eccitando a vedere uno che slaccia il reggiseno alla mia donna...ad un tratto,colpo di scena...francesco paolo ele e carlo vanno a fare il bagno mentre laura russa già da un pò...il massaggio continua e ad un certo punto noto che mario scende sempre + sui fianchi all'altezza dei seni,toccandoli verso l'esterno...lei non gli dice niente...ad un tratto vedo il bacino di mario che fa dei movimenti impercettibili e lei che ha un mezzo sussulto,però muove un pò il culo,lui cerca di scendere verso i seni,poi lei lo blocca e fa con un filo di voce:basta...
Lui fa:
- scusami ho sbagliato scusa.
e lei:-non fa niente ma rimanga tra noi.incredibile,stavo sperando che non si fermassero...
dopo un quarto d'ora arrivano gli altri,laura dorme ancora,mario legge,io faccio sempre finta di dormire,e lei si è addormentata davvero..arrivano fanno un pò di casino e ci svegliano...dopo un pò andiamo via.Arrivati a casa tutti in doccia,loro a turno,e noi con calma nel nosro bagno.
Vanno tutti a fare la spesa tranne io e ali(speravo che rimanendo soli me l'avrebbe data...),ma lla fine resta pure carlo,che sfiga...io sono in soggiorno a guardare la tv e alice in bagno,quando carlo mi fa:
-oh rick mi presti il caricabatterie che il mio lìho dimenticato?
-prendilo pure è in camera nella valigia blu,guarda che la rossa è di alice,quindi non sbagliarti!
lui mi fa:
- ma entra tu mica io...
-no vai tu non ho voglia di alzarmi,tanto alice sarà in bagno...
-ok...
In realtà puntavo sul fatto che alice aveva paura di rimanere chiusa in bagno e se aveva il bagno a parte lasciava la porta semiaperta...
Carlo entra e gli va meglio del previsto,il costume di ali era x terra vicino al letto ma soprattutto lei era in bagno davanti allo specchio che si asciugava i capelli...nuda....tanto chi la poteva vedere...carlo rimase un pò incantato poi preso dalla paura uscì dalla camera col caricabatterie in mano:
-oh ma che l'avevi nascosto?non lo trovavo...
.........
Ora di cena,tutti nel giardinetto,le ragazze tutte in cannottierina e pantaloncini,e noi chi in cannottiera chi a petto nudo..ovviamente alice non aveva reggiseno perchè mi aveva detto che si era bruciata la schiena e le faceva male...quindi i caimani erano tutti pronti a vederla inchinata...ma x loro sfortuna a cena non successe niente...
la sera facciamo un giro in un paio di bar del posto,poi tornati a casa un pò alticci le ragazze si improvvisano modelle e fanno tipo delle sfilate...quando passa ali tutti a fischiare e facendo commenti sottovoce e ridacchiando...io ero viola e loro ma dai che scheziamo...ad un tarttò sentii che carlo diceva a paolo:mamma mia ti dico che ra in bagno nuda che si asciugava,con quelle tettone al vento,ha 2 capezzoli enormi,e poi ha la figa rasata...mamma mia...
...la notte ali non me la volle dare ma riuscii a farmi fare un pompino...
.......
il giorno dopo al mare eravamo solo io carlo ali e paolo,e partirono un paio di battutine tipo ali vado a fare il bagno mi presti le boe?
e io che facevo tutto l'incazzato e gli dicevo si smetterla...ad un certo punto faccio finta di addormentarmi come il giorno prima e loro si fecero + audaci:fece carlo:
-ali ma secondo te la pallina delle racchette si incastra?
e lei con un sorrisino da troia:
-e che ne so,secondo te?
e lui:-boh non so controlliamo...
e glie la posizionò tra le tette...la pallina rimaneva incastrata...alchè lei disse con un'aria da gran troia:beh vi incantate?ora la devi prendere come l hai messa...e quando carlo si avvicinò x prenderla lei la strinse con le tette...ero eccitato da morire...anche paolo allungò le mani facendo finta di cercare la pallina...poi anche roberto disse la sua:
-ali abbiamo fatto 1 scommessa ci faresti vedere il seno?
-ma x chi mi avete presa?
-dai non te la prendere...è solo che lui dice che secondo lui hai i capezzoli piccoli e bruttini,invece io il contrario...
e lei:- ah parlate delle mie tette voi 2? e quale sarebbe la ricompensa per chi ha ragione?
i 2 si guardano e paolo fa:
-la ricompensa devi sceglierla tu,un regalino?
-ma siete proprio dei pervertiti...però...questo gioco mi eccita...sparate le vostre idee...al volo però prima che si svegli rick...
paolo fece subito:io una spagnola e ti vorrei venire sulle tettone...
e carlo:io invece vorrei fare un 69,perchè secondo me hai la figa rasata!
detto fatto,lei disse:-ok ora vediamo chi ha vinto!tirò fuori una tetta e spuntò fuori il suo capezzolone nero grande,e paolo esclamò:
-ho vinto!!
a quel punto feci dei rumori come x fargli credere che mi stessi x svegliare,e lei si affrettò a dire ai miei "amici",ha vinto paolo,però hai vinto anche tu carlo,perchè ce l'ho rasata...e gli fece un occhiolino....gli disse,domani quando dovremo andare alle grotte io dirò che non mi sento bene e voi troverete una scusa quando sarete in macchina...ok?
........
Oh cazzo il gioco si era fatto troppo pesante...
la sera me la scopai quando gli altri andarono a fare la spesa...
il giorno dopo come da copione ognuno tirò fuori la sua scusa,ma io,che avevo in macchina carlo e paolo,telefonai agli altri 4 per dirgli che avevo bucato e di andare altrimenti avrebbero perso il traghetto...
tornai a casa in gran segreto e ancora loro 2 non erano arrivati...mi nascosi nella camera delle ragazze fino al loro arrivo...
quando arrivarono erano pazzi di voglia di lei...
entrarono in casa e la chiamarono..appena uscì dalla camera le saltarono addosso,ma lei disse:
-un attimo...io devo solo pagare le scommesse,quindi fate i bravi...iniziò un breve spogliarello,che troia aveva una canottiera bianca che si bagno con l'acqua,e un perizoma inesistente...
-prima pago paolo poi te carlo,ok?
loro fecero cenno di si con la testa,e lei si inginocchiò e slacciò il costume di paolo,che aveva un bel bestione parecchio lungo e abbastanza largo...gli diede due leccate poi se lo mise in mezzo alle tette,ad un tratto disse:è bellissimo mi arriva fino in bocca!e così facendo ogni tanto glie lo leccava...ad un tratto lo vidi fermarsi e le disse:
-VENGO-OOOOOO-OOOOOOOOOO......OH.....che spagnola cazzo!!
le aveva inondato le tettone...ora era arrivato il turno di carlo,che se lo toccava e non resisteva più...
-ti ho eccitato maiale??ora tocca e te,e si misero sul MIO letto (!!!) nel quale lei si tirò giù le mutandine fradice e gli tolse il costume:
-CAZZO!è enorme!
in effetti il pisello di carlo era abbastanza lungo ma normale,ma era molto grosso di circonferenza...
alchè gli si fiondò sopra e poi si girò iniziando a farsela leccare...il cazzo di carlo entrava e usciva a fatica da quelle bocca da pompinara...carlo però venne subito perchè era troppo eccitato dalla scena precedente...
lei un pò delusa perchè era troppo eccitata disse...
-ho voglia di scopare!
paolo le si fiondò sopra e le leccò le tette,poi le allargò le gambe e lei urlò di piacere...
la pompava forte,e ad un certo punto carlo col cazzo durò le si avvicinò da dietro e le disse:
ti ricordi la sera in discoteca quando mi strusciavo?
e lei in preda al piacere...:
-s....siiii....
lui:-beh avrei voluto farti questo...
e iniziò a toccarle il buco del culo...lei disse:
-lo voglio ma è troppo grosso!
-e tu 6 troppo troia!
così facendo le infilò un dito nel culo,che poi diventarono 2,poi tre,e poi le disse,dopo averla leccata:
-6 pronta?
con un pò do paura mista ad eccitazione disse:
-si,entra...
...
-AAAAAAHHHHH MAMMA MIA è ENORME,ODDIO CHE BELLO!!
guardavo la mia ragazza prendere un cazzo in figa e l'altro nel culo da due miei amici e mi facevo una sega!dopo aver cambiato un pò di posizioni ed esserdi alternati,i miei amici a turno le inondarono la faccia e la bocca di sperma...
-oh cazzo si è fatto tardi tra mezz'ora torneranno dalla gita!
esclamò alice...allora i due si ricomposero ed uscirono in fretta e furia,mentre lei diede una sistemata al letto e si fece una doccia...
Io "rientrai" subito dopo,e le dissi che avevo avuto un problema con la macchina e che avevo passato la mattinata dal gommista....
le chiesi:
-tu stai meglio?
e lei con un sorrisino beffardo:
-oh si molto meglio!e mi diede un bacio...

Per commenti: [email protected]

Il Cervo E La Fidanzata Tettona (III)

1

Era una fredda sera d'inverno, di quelle così rigide che vorresti solo startene dentro casa, sotto le coperte. Decisi di chiamare la mia ragazza, Valentina, e chiederle se aveva voglia di raggiungermi.
"Ciao Valentina... senti, ti va di passare la serata da me? Ci guardiamo un film, se vuoi".
"Oh amore, mi piacerebbe, ma... stasera ho un appuntamento con Davide".
Provai un brivido di rabbia, gelosia... ed eccitazione.
"Oh, capisco", borbottai. "Non puoi proprio annullarlo? Avevo voglia di stare con te, stasera".
"Amore mi dispiace... ormai gliel'ho promesso... se non vado Davide ci resta male... Ti prometto però che dopo, quando mi riporta a casa, vengo subito da te, fosse anche notte inoltrata. D'accordo?"
"D'accordo" sussurrai con un filo di voce.
Mentre stavo riponendo l'apparecchio, sentii la voce di Valentina:
"Amore, mi raccomando" mi disse con tono malizioso "non farti troppe seghe mentre mi aspetti!"

2

Attesi, come sempre frustrato ed eccitato allo stesso tempo. Nella mia mente scorrevano le immagini di Valentina, la mia amata, la mia dolce fidanzata, posseduta da quel porco, quel bastardo di Davide. Non avrei mai creduto, se qualcuno prima me lo avesse detto, di poter finire in una situazione simile. Eccitarmi pensando alla mia ragazza sbattuta da un altro... impossibile, impossibile.
Eppure era così, e mentre i minuti passavano, e le ore pure, mi ritrovai con il cazzo in mano intento a farmi una sega. Mi immaginai Valentina china sul pacco di Davide, intenta a succhiargli il cazzo, poi prenderlo tra quelle belle tettone, infine fottere come assatanati. Sborrai nella mia mano copiosamente.
Persi la cognizione del tempo e, sdraiato su una poltrona, chiusi gli occhi.
Mi assopii...

A destarmi fu il suono del campanello. Guardai l'orologio: erano quasi le quattro del mattino.
L'aveva proprio tirata per le lunghe, quella stronza della mia ragazza! Naturalmente ero certo che si trattasse di lei. Chi altri sennò poteva piombare a casa mia a quell'ora?
Avevo ragione.
Valentina entrò quasi danzando sulle punte delle scarpe, visibilmente felice e soddisfatta.
"Ciao amore!" mi salutò "Visto che sono passata? Dormivi?"
"Sì, mi ero appisolato" ammisi. "D'altronde arrivi a quest'ora..."
"Oh ma sai, Davide non ne aveva mai abbastanza... e... oh, ma perchè non ci sediamo?"
Ci sistemammo sul divano.
"Allora", disse lei dopo avermi dato un veloce bacio sulle labbra. "Da dove vuoi che inizi a raccontare?"
"Dall'inizio", risposi "voglio sapere tutto".
Lei parve riflettere un po'. Poi disse:
"Ho un'idea... inizierò mostrandoti una cosa!"
Detto questo si sfilò il maglione.
Rimasi a bocca aperta.
Le sue grandi tette, mal contenute dal reggiseno, erano completamente ricoperte di sperma. C'era sborra ovunque, ma soprattutto nel morbido e godurioso solco. Lì si era raccolta una quantità incredibile di liquido bianco.
Se la mia bocca si spalancò, il mio cazzo ebbe una reazione ancor più repentina: divenne subito duro come il marmo.
"Uh, il mio amore si sta già eccitando..." disse lei, alla quale la cosa non era evidentemente sfuggita. "Vedi tutta questa bella cremina bianca? Me l'ha data Davide... è stato così gentile a regalarmene così tanta... si è proprio svuotato le palle tra le mie tette, al termine di una lunga ed eccitante spagnoletta... mmm... al solo pensiero ancora mi bagno... ha sborrato davvero tanto... e non è stata neanche l'unica volta..."
"Che vuoi dire?"
"Voglio dire che questa sera quel porcellino di Davide ha mostrato di essere un vero stallone... mi ha regalato la sua cremina ben quattro volte..."
Cazzo, pensai. Quattro volte. Ecco perché era venuta così tardi a casa mia. Era stata molto, ma molto impegnata...
"Sei troppo troia..." le dissi.
"E tu sei troppo cornuto... dai amore, sai cosa devi fare adesso... leccami le tette piene di sborra... dai che ti piace tanto... su non farmi aspettare..."
Obbedii, con un certo piacere, non posso negarlo. Posizionai la faccia tra le sue tettone e cominciai a leccare lo sperma.
"Mmmm" gemeva lei "senti com'è buona la cremina di Davide... senti che buon sapore che ha... goditela amore... mmm... lo so che ti piace tanto... piace tanto anche a me... sapessi com'è bello sentirla nella figa e nel culo..."
Io intanto continuavo a leccare. Avevo pulito per bene i capezzoli e la zona intorno, ora mi stavo dedicando al solco profondo tra quelle due montagne di carne, dove l'inondazione di quel porco era stata più copiosa.
Ce n'era in quantità incredibile.
Inutile dire che mentre leccavo, il cazzo continuava a indurirsi...
"Bravo porcellino" diceva lei, posando ora la mano sul pacco e accarezzandomi il cazzo duro senza però tirarlo fuori "leccami tutta... lecca le mie tettone sporche di sborra... mmm... come ti piace... senti com'è buona... bravo, sei proprio un bravo cornuto... un cornutello esemplare... se farai tutto quello che ti dico, vedrai che alla fine ci sarà un bel premio per te..."
Così continuai a leccare fino a che il suo seno non fu completamente pulito.
"Bravissimo!", mi disse. "Ora leccami anche il culo... quel porco di Davide, oltre ad avermelo sfondato, l'ha riempito bene bene..."
Si spogliò completamente, poi si mise a novanta sul divano e agitò il bel culo davanti alla mia faccia.
"Forza amore", mi disse "tira fuori la lingua e lecca via tutta la cremina bianca, che ti piace tanto..."
Le infilai la lingua fino in fondo, in quel buco pieno di sperma, e leccai via il più possibile. Lei gemeva, eccitata più che mai, probabilmente ripensando a quando il suo amante l'aveva inculata a dovere.
"Mmm, che bello" ansimava "non ci sono cornutelli ubbidienti come te..."
Continuai a leccarle finché lei non mi interruppe. Mi fece sdraiare sul divano, mi slacciò i calzoni e liberò il mio cazzo durissimo.
"E' molto più piccolo di quello di Davide" mi schernì. "Il suo bastone è incredibile... davvero, il tuo non può essere paragonato affatto a quel cazzone...". Me lo prese in mano e cominciò a segarmi lentamente. "Sai" continuò "mi sono proprio innamorata dell'uccello di Davide... di quell'uccellone e del suo padrone... proprio non posso farne a meno... stasera mi ha farcita per bene..."
Poi quella troia di Valentina salì a cavalcioni su di me, ancora sdraiato sul divano, e s'impalò sul mio cazzo. Cominciò a muoversi lentamente.
"Oh amore..." diceva "avresti dovuto vedere come Davide mi ha farcita... come mi ha scopata... a lungo e profondamente... è davvero un bravo stallone, così come tu sei un bravo cornutello... senti la sua sborra dentro la mia figa? Ah sì... sì che la senti... e vedo anche quanto ti piace... cornuto... coglione... senti com'è ancora calda... immergi il tuo cazzo in questa bella crema... mmm... dai amore... scopami anche tu... scopa la mia figa che già ha accolto un altro uccello... sì... mmm... quanto vorrei che Davide fosse ancora qui... e mi prendesse di nuovo... quanto vorrei che al posto tuo adesso ci fosse lui..."
Ero eccitato oltre ogni limite, ma lottavo per trattenermi. Non volevo ancora venire. Mentre la fottevo, e sentivo chiaramente lo sperma di Davide nella sua figa, colarmi lungo l'asta e le palle, alzai la testa per leccarle le tettone, ma lei mi fermò.
"Eh no", mi disse "ormai le hai pulite da tutto lo sperma del mio amante, non puoi più leccarle... quando sono pulite può leccarle solo lui... questa è una nuova regola... tu puoi goderti le mie bocce solo quando sono ricoperte di sperma... ma non pensarci ora, amore... ora goditi la mia fichetta... accontentati di quella... senti com'è morbida e bella allargata... senti quanta sborra c'è dentro... mmm... ti piace, vero? .... Davide si è svuotato i coglioni per bene...."
Continuavo a fotterla come un'indemoniato. Poi fui assalito da un dubbio...


Già. I conti non tornavano. Valentina aveva detto che Davide era venuto quattro volte. Quattro sborrate, ed io fino a quel momento ne avevo contate (meglio dire che ne avevo trovata "traccia") solo, si fa per dire, di tre: tra le bocce, nel culo, e nella fighetta che ora mi stavo scopando. E la quarta sborrata? Forse Davide le era venuto due volte in culo, o due volte in figa, oppure due volte tra le tette. Poteva ben essere così, ma avevo un sospetto. Il sospetto che la verità fosse un'altra e ci fosse una sorpresa in arrivo.
E infatti...


Valentina interruppe la cavalcata e armeggiò con la borsetta, che si trovava vicino al divano.
"Cosa stai facendo?" le chiesi.
"Amore" mi rispose "non ti avevo forse parlato di un premio, se tu avessi fatto il bravo? Il bravo lo hai fatto, quindi il premio te lo sei meritato..."
Quando vidi cosa tirò fuori dalla borsetta fu tutto chiaro.
Era un preservativo... un preservativo pieno di sperma.
"La quarta sborrata" mi spiegò "è qui dentro. Sai, dopo essermi fatta riempire culo e figa e allagare le tette, ho pensato di portarti un regalino. Così, dopo essermelo chiavato ancora a lungo e in tutte le posizioni possibili, gli ho messo un preservativo e gli ho fatto una bella sega mentre gli leccavo le palle. E' stato molto eccitante, sai, cornutello? Che buon sapore hanno le sue palle pelose! Le ho leccate a lungo, le ho succhiate come dolci caramelline, mentre la mia morbida manina faceva su e giù lungo la sua asta... alla fine è venuto, quel bravo maialino, e ha riempito tutto il preservativo".
Riprese a cavalcare il mio cazzo stremato. Nel mentre, portò il preservativo davanti alla mia bocca e lo svuotò.
"Lecca, porco", mi disse continuando a fottermi. "Lecca tutta la cremina di Davide. Ne vai ghiotto, lo so, cornutello... quasi quanto me, vero? Dai amore... bevi tutto... non lasciarne neanche una goccia, non può andare sprecata... Davide è stato così gentile, non vorrai mica mostrarti scortese e rifiutare il suo dolce e caldo seme? Dai su... così... ecco... che bravo che sei... hai fatto una bella scorpacciata di sperma stasera, vero? Mmmm... dai, nel frattempo continua a muovere per bene il tuo cazzetto nella mia figa piena di altro sperma... mmm... oh sì che bello... che maialino che sei... un coglione pervertito... oooh... su su... da bravo... ecco, lo hai bevuto tutto..."
Continuavo a fotterla, ma ormai ero prossimo all'orgasmo.
"Bravo porcellino... ecco, ora leccami le dita, che sono ancora un pochino sporche... bene... e adesso rilassati, rilassati e sborra... vieni cornutello... vieni stupido coglione... sborra anche tu nella mia fighetta..."
Non riuscii più a trattenermi. Venni copiosamente. Nulla in confronto, certo, a tutto lo sperma che le aveva regalato il suo amante.

3

Poco dopo Valentina andò in bagno a farsi una doccia. Io restai sul divano, immobile, il cazzo sporco di sperma... del mio e di quello di Davide, che aveva colmato poche ore prima la figa della mia ragazza e che era colato lungo tutto il mio uccello e le mie palle.
Non sapevo cosa pensare. Non più. Nè della mia fidanzata, nè di me, nè di quella incredibile situazione. La mia mente era vuota.
Pochi minuti dopo arrivò il sonno. Chiusi gli occhi.