Archivio della categoria: Racconti Erotici

Una scheggia nel piede

In casa, non abbiamo il pavimento in ceramica, ma un caldo ed accogliente parquet, é per questo motivo che a volte cammino scalza, mi piace molto la sensazione del legno sui piedi.
Questa mia abitudine, mi portò in un giorno di agosto, a vivere un'esperienza molto eccitante con mio figlio Andrea.
Stavo riordinando la libreria, quando feci un movimento brusco con la gamba e una piccola scheggia di legno si infilò nel mio piede destro.
Provai un leggero fastidio, come quando pulisco i fichi d'india e una delle spine va a finire tra le mie dita, tentai allora di levare la scheggia con una pinzetta, ma doveva essere molto sottile e profonda, perché da sola non ci riuscì.
Pensai quindi di chiedere aiuto a mio figlio Andrea.
Un po' zoppicando, raggiunsi la sua camera, bussai ed entrai.
Andrea se ne stava buttato sul letto, concentrato con un videogioco sul calcio.
La camera era in penombra, la luce del televisore illuminava i suoi vent’anni, un volto giovane e fresco, senza barba, dagli occhi grandi e scuri.
Assomiglia molto a mio marito, anche se il suo cazzo che avevo già provato in passato è più grosso e lungo.
Confesso, che a volte quando mi penso in ginocchio davanti al suo uccello, la mano scivola tra le mie gambe, e con qualche dito provo a riempire le mie voglie.
Il cazzo di mio figlio è più grosso e lungo rispetto a quello del padre, in più rispetto a quello di mio marito Gabriele, quando è duro, punta verso l'alto.
E' uno di quegli uccelli che puntando verso l'alto, fa godere molto quando ci si siede sopra, entra con prepotenza, invadendo le mie voglie e facendomi perdere il controllo.
Mio figlio lo sa bene e capita che a volte, si metta dietro al padre lanciandomi dei segnali, magari guardandomi diritto negli occhi, e passandosi velocemente la mano tra le gambe.
Quel giorno Andrea era preso dal suo videogioco, e distrattamente mi disse di aspettare un attimo che avrebbe finito la partita e sarebbe venuto ad aiutarmi.
Quella scheggia mi dava davvero fastidio, mi sedetti allora sul divano e aspettai che mio figlio venisse ad aiutarmi.
Arrivò poco dopo, portava una maglietta bianca e un pantaloncino blu, uno di quelli leggeri che usa quando va a giocare a calcetto.
Sono dei pantaloncini molto sensuali, perché essendo di stoffa morbida, disegnano il cazzo di chi li indossa e nel caso di mio figlio, l'uccello moscio si disegnava sulla stoffa del pantaloncino, pendendo verso destra.
Con la faccia assonnata e toccandosi i capelli, mi chiese dove avessi la scheggia, gli dissi che era nel piede destro e lo allungai su di una sedia.
Allora Andrea, si inginocchiò per terra e comincio a cercarla.
Doveva essere profonda, perché a vista non riuscì a trovarla.
Mi prese il piede e con le dita comincio ad accarezzare la pianta e tra l'alluce e l'indice per provare a trovarla.
In quel momento simulai indifferenza ma quelle carezze leggere mi facevano provare dei brividi ed i miei capezzoli cominciarono a rispondere inturgidendosi.
Andrea cercava con attenzione la spina, si avvicinò con la testa cosi tanto al piede che percepivo il suo respiro caldo, si bagnò un dito per distinguere meglio la scheggia e con la saliva cominciò a bagnarmi il piede, quel contatto mi strappò un leggero sospiro che speravo Andrea non avesse percepito, ma evidentemente non fu cosi, perché di colpo, una sensazione calda avvolse le dita del mio piede, mio figlio con delicatezza, aveva portato la bocca sul mio alluce.
Fu una sensazione nuova per me, lo lasciai fare, abbandonandomi alla sua bocca che lentamente si muoveva tra le mie dita.
Chiusi gli occhi e senti il rumore dell'elastico delle sue mutande, si era sfilato l'uccello dai pantaloncini e si stava masturbando, continuando a leccarmi con delicatezza.
All'odore del suo cazzo, scivolai una mano tra le mie gambe e cominciai a masturbarmi.
Andrea se ne accorse e con la lingua cominciò a risalire fino a ritrovarsi tra la peluria della mia figa, cominciò a leccarmi, penetrarmi con la lingua, mentre con la mano, cominciò a strofinare l'uccello sul mio piede.
Percepì il calore di quel membro, la cappella, coperta di un liquido vischioso, macchiava le mie dita, lo strofinava tra i miei piedi, tra l'alluce e l'indice, cominciò a masturbarsi appoggiandolo sulla pianta del mio piede.
Continuò cosi, con la testa affondata tra le mie gambe finché alcuni fiotti di sborra, caddero sui miei piedi, ed altri schizzarono per terra, fu quando senti l'odore di quel liquido e con la lingua di mio figlio ancora dentro, che raggiunsi un orgasmo intenso,
Mio figlio Rimase li, tra le mie gambe, finche il mio respiro non divenne più calmo e regolare.
Alla fine, Andrea riuscì a levarmi la piccola scheggia dal piede... cosa dire... sono davvero una mamma fortunata.

Lilli


Questo racconto fa parte di una storia a puntate dal titolo: Il diario di Lilli.
Il diario è in continuo aggiornamento, ma se volessi leggerlo questo è l'indirizzo: CLICCA QUI

Se invece volessi scrivermi, mandarmi le tue impressioni, parlarmi della tua eccitazione, questa è la mia e-mail:  [email protected]   

Il mio facebook: CLICCA QUI


Una mamma puttana

Rieccomi qui, a scrivere dopo cinque anni.
Avevo messo da parte il mio diario perchè con mio figlio Andrea era iniziato un rapporto andato oltre il virtuale, forse troppo.
Cinque anni nei quali senza rendermene conto, avevo permesso a mio figlio  di prendere il controllo delle mie voglie e di convertirmi in una mamma puttana, pronta a tutto pur di soddisfare le sue voglie.
Il nostro rapporto si era evoluto fino a divenire una sorta di schiavitù sessuale, nella quale non c'era più spazio per internet e per il mio diario.
Vi chiederete allora come mai sono qui a scrivere, lo faccio perchè  il mese scorso qualcosa è cambiato, mio figlio Andrea si è sposato, ha lasciato casa e questo ha lasciato un profondo vuoto dentro di me.
Il nostro rapporto ancora una volta cambia, lui ha trovato una moglie ed io ritrovo il mio blog, luogo che in passato mi aveva aiutato e spero lo faccia anche oggi.
Proverò un pò per volta a raccontarvi cos'è successo in questi anni, vi parlerò di Andrea, dei suoi amici, di mio marito, di mio figlio Lucio, di mio nipote, dei ragazzi che ho incontrato in questi anni...e di Nico, il mio vicino di casa, che ha un figlio di vent'anni che da qualche tempo non mi leva gli occhi di dosso...
Per adesso, vi mando un grande bacio, e vi invito a scrivermi se avete qualche curiosità o volete che vi parli di qualcosa in particolare che mi è successa in questi anni.

Un bacio, Lilli

Scrivimi all'indirizzo: [email protected]

In solitaria

Ogni tanto mi piace dedicare del tempo tutto a me stesso. Quindi parto. Non dico a nessuno dove vado, prenoto un hotel nel bel mezzo del nulla, parto la mattina presto e torno il giorno dopo. Non mi aspetto mai nulla da queste situazioni e spesso è proprio qui che accade sempre qualcosa di inaspettato. […]

Dal racconto "È solo sesso"

"...Patrick era lì, dentro di me, e mi riempiva e mi svuotava per poi riempirmi nuovamente ed inesorabilmente come il mare che s'infrange sulla costa, sempre di più, sempre più a fondo come la marea che sale per conquistare la spiaggia e farla sua, anche se solo per pochi istanti. Ogni colpo che affondava nella mia carne s'impadroniva di un pezzetto di me per riempirmi di lui. Un'osmosi dei sensi..."
Leggi il racconto "È solo sesso" by Sensualissima Passione

Voglia…

Rieccomi a scrivere sul mio blog. Era da tempo che non lo facevo. Ho ricevuto tantissimi messaggi in cui mi chiedevate che fine avessi fatto. Grazie mille a tutti! Non ho abbandonato la scrittura, tantomeno la mia attività. Il tempo è sempre di meno ma non ho assolutamente intenzione di dimenticarmi di questo mio diario […]

Un’amicizia particolare – Capitolo 1

Filippo ed io eravamo diventati dei buoni amici. Ma mai avrei pensato che dietro a quell’aria da padre di famiglia e marito perfetto si nascondesse la persona che poi ho veramente conosciuto. D’altronde sono il primo insospettabile e non dovrei stupirmi ormai di nulla, ma lui mi aveva davvero lasciato a bocca aperta. Un’amicizia maschile […]

CAM2CAM

Chi non ha mai fatto sesso online? Non mi riferisco alla semplice masturbazione di fronte ad un porno, ma via webcam con altre persone dall’altra parte dello schermo. Tutti, sicuramente, almeno una volta. Anche io, e in questo racconto voglio dirvi di una delle più belle sessioni di sesso virtuale mai provate in vita mia. […]

Paolo e Isabella – Capitolo 2

Paolo e Isabella, dopo il nostro primo incontro, mi hanno davvero preso in simpatia. Email, messaggi, foto, non passa un giorno senza che loro mi mandino qualcosa di “porcellino” che li ritrae. Una volta mi avevano mandato una loro foto dalle terme, avvinghiati come polipi l’uno all’altra col commento: “Manchi solo tu – e lui […]

Hotel Wilson – Capitolo 7

Io e Adam rimasimo soli, appena fuori dalla doccia che. Non ebbi nemmeno il tempo di tastargli quel cazzo che aveva ancora un po’ barzotto che il mio bel morettino mi sbatté forte contro il muro infilandomi la lingua in bocca fino in gola. Come già detto, il sesso che facevo separatamente con i due […]