Archivio mensile:febbraio 2012

C’era una volta Mara Minnelli…



Scritti con intenti diversi, in momenti diversi e lontani nel tempo tra di essi, questi miei racconti sono frutto di una sensazione o di un suggerimento.
Ma molto più spesso sono la narrazione di un vissuto personale molto, molto, molto porco.


Ho scritto un primo racconto (Papà non vuole) pubblicandolo, per una divertente scommessa, con lo pseudonimo di Mara Minnelli, su uno storico e ormai poco frequentato newsgroup dedicato al tema (it.sesso.racconti).


La scommessa era basata su questi interrogativi: “Ci sono lettrici che frequentano questo forum? E se ci sono, QUANTE di loro avranno voglia di contattare chi si diletta nella narrazione erotica? E quante di loro saranno disposte ad esporre all’autrice (Mara Minnelli, appunto) le proprie impressioni e le intime emozioni?”


Il QUANTE si tradusse in TANTE. Vinsi, quindi, quella scommessa.


Ci presi gusto (in tutti i sensi!) a leggere e a rispondere alle varie  testimonianze che mi arrivavano dai lettori.
Il solletico erotico indotto negli altri, dalle mie parole, divenne un irrinunciabile e corroborante alimento per il mio ego da erotomane incallito.

Da allora, ad intervalli irregolari, tentando di non ripetermi nei temi e nello svolgimento narrativo, ho cercato di raccontare situazioni sempre diverse. 

La cosa, che mi ha indotto a raccoglierli in questo blog, è che i miei racconti li trovavo - e purtroppo accade ancora - pubblicati in rete, su alcuni siti a tema, ma tutti firmati da Altri!

 “Altri”, che erano e SONO dei perfetti sconosciuti (per me!)

Così, eccomi qui a ribadire che questi brandelli di erotismo, anche se i primi e per un breve periodo li ho firmati come Mara Minnelli, sono stati prodotti unicamente dalla mia "porca" fantasia.



Marco  


***************************************
per commenti in privato:  [email protected] 

    C’era una volta Mara Minnelli…



    Scritti con intenti diversi, in momenti diversi e lontani nel tempo tra di essi, questi miei racconti sono frutto di una sensazione o di un suggerimento.
    Ma molto più spesso sono la narrazione di un vissuto personale molto, molto, molto porco.


    Ho scritto un primo racconto (Papà non vuole) pubblicandolo, per una divertente scommessa, con lo pseudonimo di Mara Minnelli, su uno storico e ormai poco frequentato newsgroup dedicato al tema (it.sesso.racconti).


    La scommessa era basata su questi interrogativi: “Ci sono lettrici che frequentano questo forum? E se ci sono, QUANTE di loro avranno voglia di contattare chi si diletta nella narrazione erotica? E quante di loro saranno disposte ad esporre all’autrice (Mara Minnelli, appunto) le proprie impressioni e le intime emozioni?”


    Il QUANTE si tradusse in TANTE. Vinsi, quindi, quella scommessa.


    Ci presi gusto (in tutti i sensi!) a leggere e a rispondere alle varie  testimonianze che mi arrivavano dai lettori.
    Il solletico erotico indotto negli altri, dalle mie parole, divenne un irrinunciabile e corroborante alimento per il mio ego da erotomane incallito.

    Da allora, ad intervalli irregolari, tentando di non ripetermi nei temi e nello svolgimento narrativo, ho cercato di raccontare situazioni sempre diverse. 

    La cosa, che mi ha indotto a raccoglierli in questo blog, è che i miei racconti li trovavo - e purtroppo accade ancora - pubblicati in rete, su alcuni siti a tema, ma tutti firmati da Altri!

     “Altri”, che erano e SONO dei perfetti sconosciuti (per me!)

    Così, eccomi qui a ribadire che questi brandelli di erotismo, anche se i primi e per un breve periodo li ho firmati come Mara Minnelli, sono stati prodotti unicamente dalla mia "porca" fantasia.



    Marco  


    ***************************************

    per commenti in privato:  [email protected]